I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. I dati personali non verranno conservati. Maggiori informazioni.

Media / Application stories / Aria Nuova in un Presidio Ospedaliero del Veronese

Aria Nuova in un Presidio Ospedaliero del Veronese

2015-06-12

Tre anni fa, Salvatore Saponaro, Responsabile Manutenzione e impianti della Casa di Cura Dr. Pederzoli di Peschiera del Garda (Vr), si rivolse ad Atlas Copco per lo studio di fattibilità riguardante il rifacimento della centrale aria medicale, in occasione dell'adeguamento edilizio rispondente ai nuovi requisiti imposti dalla Regione Veneto.

Atlas Copco Italy - Home Private Care Dr. PEDERZOLI
“Nella nostra unità - dice Saponaro - l'aria è essenziale in ogni momento, essendo usata nelle sale operatorie, sia per l'alimentazione delle attrezzature chirurgiche, sia per la ventilazione polmonare, oltre che in terapia intensiva e rianimazione e per gli aerosol”.

Aria di qualità, s’intende.La qualità dell'aria - prosegue Saponaro - deve avere le caratteristiche previste dalla Pharmacopea. Ogni sei mesi, vengono effettuate analisi, presa per presa, da un ente esterno dato che è considerata un farmaco a tutti gli effetti.

La nuova centrale realizzata è riservata alla sola produzione di aria compressa per uso medicale. La sala compressori è stata costruita ex novo e, mano mano che procedeva la ristrutturazione edilizia, i vari reparti sono stati collegati al nuovo impianto dismettendo le vecchie linee
”.

E in fatto di gestione?Il controllo - assieme alla relativa gestione - dell'impianto è integrato con quello generale della Casa di Cura e viene monitorato da remoto. Gli allarmi giungono attraverso e-mail. In emergenza, ci sono tre fonti di approvvigionamento dell'aria medicale: se un compressore si ferma, ce n’è un altro pronto a funzionare e, in terza battuta, un pacco bombole disponibile in caso di black-out. L'aria nell'ospedale è come la corrente, non deve mancare mai”.

Quali i motivi per scegliere Atlas Copco?La richiesta ad Atlas Copco è stata suggerita dai risultati molto positivi ottenuti con macchine installate presso un’altra Casa di Cura del Gruppo. L'obiettivo era quello di realizzare un impianto all'avanguardia per quanto riguarda il rendimento energetico e nel rispetto totale delle normative vigenti".

Come avete provveduto, in concreto?Il primo passo è consistito nel dimensionare la centrale in funzione delle esigenze. E' stata fatta la stima dei consumi futuri, in funzione dei posti letto, considerando un fattore di contemporaneità congruo, cui successivamente è stato aggiunto anche il consumo previsto per una struttura socio-sanitaria di oltre 100 posti letto, che sarebbe stata costruita e collegata per la fornitura di aria medicale".

Passo successivo?Individuata la portata d'aria medicale di progetto, è stato chiesto di avere due fonti di aria compressa, in quanto la terza sarebbe stata ottenuta con pacchi bombole. Dopo alcuni perfezionamenti della proposta iniziale, si è approdati a una sala con due compressori GA da 18 kW ciascuno, in versione medicale, due serbatoi vetrificati e due MED, dispositivi medici che trasformano l’aria compressa industriale in farmaco. Con i macchinari è stata fornita anche la centralina di controllo ES-Medical, che gestisce l'intera sala e si interfaccia col sistema di controllo generale della Casa di Cura tramite il protocollo Modbus".

Un percorso decisamente virtuoso.
La direzione ospedaliera sta valutando di installare un terzo compressore a velocità variabile, per ottimizzare i consumi energetici in base alla reale richiesta dell'impianto.

Per ulteriori informazioni riguardanti le applicazioni nel settore medicale:


Atlas Copco è un'azienda leader a livello mondiale nella fornitura di soluzioni sostenibili per la produttività Industriale. Il Gruppo è fornitore di compressori innovativi, espansori e sistemi di trattamento dell'aria, attrezzature per ingegneria civile e mineraria e per il settore delle costruzioni, utensili industriali e sistemi di assemblaggio. I prodotti sviluppati da Atlas Copco mirano alla produttività, all'efficienza energetica, alla sicurezza e all'ergonomia. Fondata nel 1873, con sede principale a Stoccolma (Svezia), l'azienda vanta una presenza mondiale in oltre 180 Paesi. Nel 2014, Atlas Copco ha registrato un fatturato di 94 miliardi di corone svedesi (10,3 miliardi di Euro), con un organico di oltre 44.000 dipendenti.