I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. I dati personali non verranno conservati. Maggiori informazioni.

Media / Novità locali sull'azienda / Production Optimization: quello che conta è l’avvitatura

Production Optimization: quello che conta è l’avvitatura

2014-09-19

In decenni di studi ed esperienze, Atlas Copco Tools ha accumulato una profonda conoscenza degli aspetti fisici e tecnologici dei processi di avvitatura.

Atlas Copco Italy - Production Optimization
Queste competenze, supportate da laboratori e strumenti di misura all’avanguardia, consentono di svolgere analisi, misurazioni, valutazioni e ottimizzazioni per tutti i tipi di avvitatura industriale.

Atlas Copco Tools mette oggi queste competenze a disposizione della clientela, raccogliendole in una gamma di servizi (sia pacchetti standard, sia consulenze a progetto) denominata “Production Optimization” (PO)

A cosa serve la Production Optimization

Da un lato, i servizi di PO sono la risposta alle tante problematiche che possono emergere durante l’avvitatura in produzione, spesso scambiate per "malfunzionamenti” di un avvitatore che sta invece correttamente intercettando variazioni sfavorevoli nei materiali o nei processi su cui opera.

Tuttavia, l'attività di "scoperta e inseguimento" dei problemi di processo è solo la proverbiale punta dell'iceberg! I servizi di PO non sono semplicemente "una cosa utile in più" offerta da Atlas Copco.

Il vero punto di forza di questi servizi sta nella loro capacità di supportare tutte le attività da cui dipenda la qualità di una giunzione: dalla progettazione / ricerca e sviluppo all’ingegnerizzazione / messa in produzione, dal mantenimento dei parametri ottimali di processo (inclusa la gestione dei cambiamenti in corso d’opera) fino al phase out finale.

Questo è possibile perché i servizi di PO arrivano ad abbracciare:
  • simulazioni e calcoli 3D delle giunzioni, a supporto delle fasi in cui il prodotto viene concepito e progettato; 
  • una gamma completa di metodologie per studi scientifici sul comportamento delle giunzioni, a supporto di prototipazione e specifica del prodotto finale, oltre che per l'ottimizzazione dei processi già operativi; 
  • simulazioni 3D del layout stazione per ottimizzare l'ergonomia di stazione e intercettare eventuali interferenze

Tutto questo garantisce al cliente vantaggi strategici che vanno ben oltre il superamento di una momentanea difficoltà.
  1. L'ottimizzazione di ogni stadio facilita radicalmente l'esecuzione dello stadio successivo.
    Una buona progettazione riduce il lavoro di prototipazione, dopodiché queste fasi - assieme al supporto engineering - consegnano all'avvio produttivo giunzioni e processi già correttamente specificati. Si riducono i tempi di industrializzazione, l'avvio produttivo è rapido ed efficace, qualità e difettosità partono molto vicine ai livelli desiderati. 
  2. L'utilizzo dei sistemi acquistati è realmente ottimale
    Un "canale" di avvitatura elettronico Atlas Copco possiede capacità di analisi e controllo elevatissime, che spesso i clienti sotto-utilizzano. Le attività di PO consentono di usare i medesimi strumenti come "laboratori di analisi" per lo studio delle giunzioni da cui derivare processi di avvitatura ottimizzati nel dettaglio e capaci di sorvegliare strettamente il mantenimento della qualità nel tempo. Ogni anomalia viene intercettata e, sulla scorta delle informazioni ottenute in fase di studio, diventa facile e rapido individuare cause e soluzioni. Inoltre, l'ottimizzazione dei processi porta sempre in dote la riduzione dei consumi energetici, l’ottimizzazione delle cadenze di manutenzione, una qualità ottimale perdurante nel tempo e la minimizzazione del Total Cost of Ownership (TCO).

La PO è il "vero" prodotto!

Va chiarito un concetto spesso trascurato: al momento di acquistare le soluzioni per la propria linea produttiva molti clienti tendono a concentrarsi su utensili, cavi e centraline ... dimenticando che il vero scopo del loro acquisto è di garantirsi avvitature ottimali, su scala e tempi industriali!

Questa errata focalizzazione, sugli strumenti anziché sulla bontà dei processi, è all'origine di moltissime problematiche. Nel caso più fortunato, il cliente acquisterà soluzioni sofisticate e di alta qualità che utilizzerà solo per una frazione delle loro capacità. 

Il plus Atlas Copco è proprio qui: la Casa svedese vende innanzitutto "avvitature ben fatte", grazie alle competenze riunite nel PO che garantiscono l'avvitatura ottimale su scala industriale che verrà poi studiata e messa in opera dagli utensili stessi. 

E' importante avere chiara questa rivoluzione concettuale: il centro dell'attenzione diventa l'avvitatura non l'avvitatore. Prima si individua quale sia l'avvitatura corretta poi la si parametrizza e la si effettua con gli strumenti adatti.

Per fare questo è importante la conoscenza dei fondamentali fisici e tecnologici del processo di avvitatura industriale, troppo spesso sottovalutati. Il cliente non deve più essere costretto a imparare dagli errori.

A questo scopo la PO comprende diversi pacchetti di training a diversi livelli di ampiezza e complessità, mirati a audience di livello crescente (dall'operatore al responsabile di linea / stabilimento, fino ai responsabili qualità e industrializzazione).

L'esperienza conferma che questi training permettono di condividere la comprensione dei processi in gioco, creando un clima di collaborazione Atlas Copco - cliente, grazie al quale diventa possibile prevenire i problemi e gestire i cambiamenti, anziché essere costretti all'eterno inseguimento.

Per informazioni:


Atlas Copco è un gruppo industriale leader mondiale nella produzione di compressori, espansori e sistemi di trattamento dell'aria, attrezzature per ingegneria civile e mineraria, utensili industriali e sistemi di assemblaggio. Grazie a prodotti e servizi innovativi, Atlas Copco offre soluzioni per una produttività sostenibile. Fondata nel 1873, la società ha sede principale a Stoccolma, Svezia, e vanta una presenza mondiale in oltre 180 Paesi. Nel 2013, Atlas Copco ha registrato un fatturato di 84 miliardi di corone svedesi (9.7 miliardi di euro) e disponeva di un organico di 40.000 dipendenti.