I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. I dati personali non verranno conservati. Maggiori informazioni.

Media / Novità su prodotti e servizi / Atlas Copco presenta le soffianti a vite a basso consumo energetico

Atlas Copco presenta le soffianti a vite a basso consumo energetico

2010-03-08

La serie di soffianti a vite a basso consumo energetico ZS soddisfano i requisiti delle attuali normative per la riduzione di anidride carbonica.

ZS37 VSD_ghost right.jpg
Anversa, Belgio, 8 marzo 2010 - Atlas Copco ha annunciato il lancio della consolidata tecnologia a vite per la compressione di aria a bassissime pressioni: la soffiante a vite ZS. Rispetto alle soffianti a lobi, la tecnologia a vite Atlas Copco consente di risparmiare fino al 30 percento di energia elettrica. Atlas Copco è convinta che la tecnologia a lobi, oggi la più diffusa, non sia più adatta alla richiesta dell’ambiente di ridurre al massimo le emissioni di anidride carbonica. Sostituendo la tradizionale tecnologia a lobi con quella a vite, molti settori industriali, nelle diverse applicazioni, quali il trattamento delle acque reflue, il trasporto pneumatico, l’industria alimentare e quella delle bevande, l'industria farmaceutica, chimica, cartaria, tessile, del cemento e manifatturiera in generale, potranno beneficiare dei vantaggi economici conseguenti al risparmio energetico. Le soffianti a vite ZS sostituiranno a breve le soffianti a lobi attualmente utilizzate.
 
Stephan Kuhn, Presidente della Business area di Atlas Copco Compressori e gruppi elettrogeni, ha dichiarato:
 
 “Atlas Copco è alla continua ricerca di innovazioni che possano garantire ai clienti una produttività sostenibile. Essi potranno beneficiare di notevoli vantaggi grazie al 30 percento di risparmio energetico ottenuto dalla nostra rinnovata tecnologia a vite rispetto alle tradizionali soffianti a lobi. I clienti di Atlas Copco potranno già da oggi beneficiare della tecnologia per le soffianti di domani."
 
Secondo l'EPA (United States Environmental Protection Agency) ad esempio, "Circa 56 miliardi di kilowattora (kWh) sono consumati per i servizi legati all'acqua potabile e alle acque reflue. Se pensiamo che nel Paese vengono utilizzate diverse fonti per produrre energia, questo significa che circa 45 milioni di tonnellate di gas serra sono immesse nell'atmosfera. Basterebbe solo il 10 percento in meno di energia elettrica utilizzata in questo settore per ottenere un risparmio complessivo annuo di circa 400 milioni di dollari.”.

Stephan Kuhn - President Compressor Techinque Business Area
In un tipico impianto per il trattamento delle acque reflue, il sistema di aerazione a soffianti incide sul consumo di energia elettrica fino al 70 percento. La maggior parte di questi impianti utilizza la poco efficiente tecnologia a lobi, rimasta ad oggi praticamente invariata sin dalla sua introduzione, avvenuta alla fine del secolo scorso . Riducendo la quantità di energia elettrica assorbita dalle soffianti, gli stabilimenti potranno limitare i costi ad essa associati e, allo stesso tempo, proseguire la loro attività con un minore impatto ambientale.
 
Chris Lybaert, Presidente della Divisione Oil-free Air di Atlas Copco, ha aggiunto:
 
"Il consumo energetico rappresenta, in genere, l'80 percento dei costi del ciclo di vita di una soffiante. Con l'integrazione della tecnologia a vite nella nostra intera gamma di soffianti di aria, possiamo ora offrire una gamma completa di compressori e soffianti destinate a tutte le applicazioni nei processi industriali che richiedono aria fino 4 bar(e)/58 psig. La tecnologia a vite di Atlas Copco permette ai clienti di risparmiare energia, un vantaggio importante in un mercato estremamente competitivo."
 
L'impatto delle soffianti di aria sul consumo energetico
 
Molti settori industriali utilizzano le soffianti nei loro processi produttivi e scegliendo la tecnologia a vite potranno beneficiare di notevoli vantaggi in termini di risparmio energetico. Gli impianti per il trattamento delle acque reflue sia quelli municipali che industriali potranno beneficiare di questa innovativa tecnologia; infatti le soffianti rappresentano, di solito, fino al 70 percento dei costi totali di energia elettrica consumata in tale settore. In siti come questi, milioni di batteri si nutrono dei rifiuti organici, producendo anidride carbonica, azoto e acqua. Poiché i batteri necessitano di ossigeno per consentire lo svolgimento del processo, nelle vasche di aerazione vengono convogliate grandi quantità di aria a bassa pressione.
 
Tecnologia affidabile ed efficiente dal punto di visto energetico
 
Le prestazioni della nuova soffiante a vite ZS sono state testate dall'ente indipendente tedesco Technische Überwachungs-Verein (Istituto Tedesco per l’ispezione Tecnica o TÜV) e confrontate con una soffiante a tre lobi, secondo le normative internazionali ISO 1217, ediz. 4. Tali test hanno certificato che la soffiante ZS garantisce un'efficienza energetica del 23,8 percento superiore a quella fornita da una soffiante a tre lobi a 0,5 bar(e)/7 psig, e del 39,7 percento a 0,9 bar(e)/13 psig. Prestazioni di classe superiore, che sono da attribuire all'eccellente tecnologia della vite. Altre importanti caratteristiche, che assicurano una più elevata efficienza e affidabilità sono la scatola ingranaggi integrata nel blocco motore, il sistema di lubrificazione forzato e l'innovativa progettazione; tutti i singoli componenti sono stati assemblati in un'unica soluzione per ottenere lo scopo di fornitura  più flessibile possibile fino alla classica soluzione Atlas Copco "plug-and-play".


È possibile che venga richiesto ad Atlas Copco di rivelare le informazioni fornite nel presente documento ai sensi del Securities Markets Act.


Atlas Copco  è un gruppo industriale ai massimi vertici mondiali nella produzione di compressori, attrezzature per l’industria edile e mineraria, strumenti di potenza e sistemi di montaggio. Con prodotti e servizi innovativi, il Gruppo offre soluzioni sostenibili che consentono ai clienti di aumentare la loro produttività. Fondata nel 1873, l'azienda ha sede a Stoccolma, in Svezia, e vanta una presenza mondiale in oltre 170 Paesi. Nel 2009, Atlas Copco disponeva di un organico di circa 30 000 dipendenti e ha registrato un fatturato pari a 6 miliardi di euro (64 miliardi di corone svedesi). Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.atlascopco.com
 
Oil-free Air   è una divisione della business area di Atlas Copco Compressori e gruppi elettrogeni. Sviluppa, produce e commercializza compressori di aria oil-free per tutti i tipi di industrie nel mondo, dove la qualità dell'aria è vitale, e compressori a iniezione d'olio per applicazioni meno critiche. L'attività della divisione è incentrata sui sistemi di ottimizzazione dell'aria, prodotti per la post-vendita e soluzioni di qualità dell'aria finalizzate a fornire una maggiore produttività ai clienti. La sede principale della divisione e i centri di produzione più importanti sono ubicati ad Anversa, in Belgio.


Manuela Stagnati

Sales & Marketing Support Communication

Atlas Copco Italia S.p.A. - Compressori Industriali

Via F.lli Gracchi, 39 - 20092 Cinisello Balsamo (MI)