LA STORIA DI ATLAS COPCO ITALIA DAL 1950 AD OGGI

Dal 1950 anche le industrie e le
imprese italiane hanno al loro fianco
un partner che con discrezione e
competenza ha sempre cercato di
dare un valido contributo al progresso
economico del Paese, alla sua
ricostruzione e al benessere dei suoi
abitanti: l’Atlas Copco Italia.

1950
Atlas Copco inizia ad operare sul mercato italiano costituendo la società per azioni Macchine Pneumatiche Atlas “SAMPA”, con sede a Roma. Dopo un anno, la Direzione Generale si trasferisce a Milano. Nel 1956 la SAMPA, in sintonia con la trasformazione della capofila Atlas Diesel di Stoccolma in Atlas Copco AB, cambia la propria ragione
sociale in Atlas Copco Italia S.p.A. (Copco = COmpagnia Pneumatica COmmerciale).
Nel ’58 vengono introdotti sul mercato italiano i compressori d’aria silenziati. Il 1959 vede l’inizio dei lavori del Traforo del Monte Bianco, per il cui scavo Condotte d’Acqua ha utilizzato esclusivamente perforatrici e compressori Atlas Copco, segnando la definitiva consacrazione della società nel settore della perforazione della roccia (metodo svedese).

1960
La società compie 10 anni, è ormai definitivamente affermata sul mercato italiano ed in piena espansione. E’ una delle più importanti società di vendita del Gruppo Atlas Copco e la più forte organizzazione nel campo dell’aria compressa in Italia e nel ’65 trasferisce l’intera organizzazione nel nuovo complesso di Cinisello Balsamo.
Nel 1969 inizia una duratura collaborazione con FIAT per la fornitura di utensili pneumatici e compressori per le fabbriche torinesi. Nello stabilimento Fiat di Togliattigrad, in Russia, i tecnici dell’Atlas Copco Italia guidano il montaggio delle centrali di compressione. Il primo “Jumbo” ad aria compressa scava inoltre una galleria nella Gardesana Occidentale.Negli stessi anni nell’industria manifatturiera e del bianco l’utilizzo dei cacciaviti pneumatici della serie LUM diventa garanzia di un corretto serraggio delle viti.

1970
Cesare Maestri, il “ragno delle Dolomiti”, conquista la vetta del Cerro Torre, in Patagonia, con l’aiuto di una “Vespa” ed un piccolo compressore FE. L’introduzione sul mercato nazionale della perforazione idraulica parte nel 1974, e va a sostituire l’energia pneumatica consentendo una doppia potenza di perforazione con una riduzione dell’energia spesa, migliorando nel contempo le condizioni di lavoro. Nel 1975 vengono introdotti i compressori rotativi a vite di media capacità, sia mobili (XA) che stazionari (GA). Contestualmente entra in galleria, per lo scavo del versante italiano del traforo, il Jumbo Fréjus. Inoltre dalla collaborazione con le università svedesi nasce il LIMNO, un sistema per ossigenare i laghi inquinati, impiegato anche in Italia nel lago di Caldonazzo. Infine nel 1979 viene introdotto MACS, nuovo sistema di serraggio computerizzato.

1980
Nel 1982 raddoppia il capitale sociale della società che passa da 5,4 a 10,8 miliardi di Lire. Nell’anno successivo, il 1983, vengono impiegati e azionati dai nostri tecnici i ROC601, per deviare le colate dell’ETNA in eruzione. Il 1984 vede l’introduzione degli utensili “ergonomici”: scalpellatori senza vibrazioni e smerigliatrici con aspirazione delle polveri. Mentre nel 1985 le sonde MUSTANG, progettate in Italia, vengono impiegate in Etiopia dove trivellano pozzi d’acqua per risolvere il problema della grave siccità.
Nel 1988 il porto di Trieste installa il metodo delle barriere pneumatiche, con una centrale di 4 ZR5 OIL-free, per fermare eventuali fughe di petrolio. Nello stesso anno le paratie del MOSE, modulo sperimentale installato a Venezia contro l’acqua alta, sono azionate da compressori d’aria Atlas Copco.

1990
In sinergia con le strategie del Gruppo Atlas Copco la società si divisionalizza per attuare politiche di vendita coerenti con la specificità dei prodotti commercializzati, ottenere una maggiore penetrazione del mercato ed essere leader in tutti i settori in cui opera.
Vengono pertanto costituite tre Divisioni autonome:
CT – Compressori,CMT - Ingegneria Civile e Miniere e TOOLS -Utensili Industriali. Nel 1993 i compressori a velocità variabile, GA 90 VSD vengono introdotti sul mercato nazionale e nel 1995 i generatori QAS fanno il loro ingresso nel settore dei gruppi elettrogeni. Nel 1997 Giulio Mazzalupi viene nominato President and CEO del Gruppo Atlas Copco, il primo Presidente non-svedese. Prima di allora Mazzalupi era stato Consigliere Delegato in Italia (1977/1986) e nei successivi 10 anni Presidente della Business Area Compressor Technique in Belgio.

1996
Era il 1990 quando l’Atlas Copco acquisì la Desoutter Brothers ed, ancora prima, la Chicago Pneumatic Tools (1987) e Ets Georges Renault (1988) avevano permesso di completare la creazione della divisione “Multibrand Industrial Tools”. Nel 1996 infine Atlas Copco Italia acquisì la Desoutter Italiana. E’ indiscusso il fatto che tale acquisizione abbia permesso alle piccole entità di rafforzarsi sia economicamente che strutturalmente, offrendo un’ampia gamma di prodotti ad alto contenuto tecnologico. Il cliente è cosciente del fatto che, dietro l’acquisto di un nostro prodotto, esiste: - un efficiente R&D dedicato alla progettazione e all’ergonomia, che si avvale di collaborazione e suggerimenti della nostra stessa clientela; - un controllo qualità che verifica continuamente l’affidabilità dei nostri prodotti e che, in caso di anomalie, è pronto alle correzioni; - un magazzino centralizzato.

1998
Ceccato Aria Compressa, entra a far parte del gruppo Atlas Copco nel 1997 quando si producevano compressori rotativi a vite ed essiccatori solamente per due marchi Ceccato e Mark. Grazie all’implementazione di nuovi processi, oggi progettiamo e produciamo una gamma completa di compressori rotativi a vite e essiccatori a refrigerazione per il marchio Atlas Copco e per molti altri marchi del gruppo. Forti dei 26.000 compressori e più di 50.000 essiccatori prodotti ogni anno siamo oggi un leader del settore. Grazie all’impegno delle nostre persone e all’interazione con i nostri clienti riusciamo a progettare apparecchiature affidabili, versatili, facilmente manutenibili, con bassi livelli di rumore a bassi costi di esercizio; tanto che i nostri compressori a vite sono un punto di riferimento per il mercato.

2000
Ricorre il 125° anniversario del Gruppo Atlas Copco e l’Atlas Copco Italia celebra il suo 50°! La divisione TOOLS per prima ottiene la Certificazione UNI EN ISO 9001. Seguiranno la divisione Compressori nel 2003 e la divisione CMT nel 2007. In quest’ultimo decennio l’azienda otterrà la Certificazione Ambientale ISO 14001 e l’OHSAS 18001 per quanto concerne Salute & Sicurezza sul posto di lavoro. Nel 2001 è operativa la divisione ASAP, dedicata a supportare le divisioni di business per tutte le attività non-core. Nel 2006 vengono insallati i primi ZR900 VSD presso la Fiat di Pomigliano e nel 2007 all’IVECO di Brescia e in Fiat Mirafiori. Nel 2009 Atlas Copco sarà la prima azienda a proporre compressori certificati con consumo energetico zero - gli ZR “Carbon Zero”.

2006
Atlas Copco BLM, sita nell’hinterland di Milano, svolge il ruolo fondamentale di Centro di Competenza QAT dove vengono sviluppate, prodotte e supportate tutte le vendite QAT. BLM, Società del 1976, viene acquisita da Atlas Copco nel 2006. QAT produce banchi d controllo JSB, chiavi dinamometriche STwrench, analizzatori di dati STanalyser, trasduttori e software. Tutta l’attività è supportata da una solida produzione, anche grazie ad un profondo lavoro dell’ R&D ed a dipendenti di talento. Il gruppo BLM è costituito da una qualificata squadra, agile e all’avanguardia, che assicura la più alta efficienza ed affidabilità nelle fasi lavorative della vendita, dei costi, e delle consegne dei nuovi prodotti, sempre innovativi. Inoltre forniamo la soluzione più completa, in qualità e produzione, per un impegno ad una produttività sostenibile, da 0,001 Nm a 100.000 Nm.

2007
Fondata nel 1980, ma con una tradizione nel mercato dell’aria compressa iniziata negli anni 50’, l’ABAC Aria Compressa rappresenta la storia dell’aria compressa italiana nel mondo. Forte dell’esperienza consolidata nel tempo, si è imposta sul mercato divenendo uno dei leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di compressori d’aria a pistoni destinati ai settori di utilizzo industriale, professionale, semiprofessionale e hobbistico. Oggi sono più di 10.000.000 i compressori che lavorano e supportano milioni di lavoratori in tutto il mondo; le varie linee di prodotto ed i diversi marchi rispondono alle diverse esigenze del mercato, sintetizzando la tecnologia studiata e applicata nei decenni sui prodotti industriali e professionali. Dal 2007 ABAC è entrata a fare parte del Gruppo Atlas Copco consolidando così la sua posizione nel mercato mondiale.

2007
Dynapac (DYNAmic comPACtion) nasce ufficialmente in Italia, a Milano, con il nome di Vibroverken Italiana Spa, nel luglio del 1958 e diventa da subito partner delle più prestigiose imprese di costruzioni coinvolte nei grandi progetti di infrastrutture e di sviluppo della rete stradale. Nel corso degli anni, Dynapac, ha sempre avuto come riferimento nello sviluppo dei propri prodotti la tecnologia di compattazione e si è affermata come azienda leader nella produzione e commercializzazione di macchinari ed attrezzature per la compattazione e pavimentazione di terre e conglomerati bituminosi: rulli statici e vibranti, monotamburo, tandem e gommati, finitrici gommate e cingolate nonché frese compatte e ad alta profondità. Nel luglio 2007 Dynapac entra a far parte del Gruppo Atlas Copco e nel novembre 2010 Dynapac SpA viene incorporata in Atlas Copco Italia.

2010
La società celebra i suoi 60 anni di attività! “…sessant’anni nell’aria e oltre l’aria… Il nostro impegno per una produttività sostenibile” è la promessa che ci consentirà di mantenere la nostra posizione leader di mercato, svilupparla ulteriormente e contribuire a rendere il nostro mondo più salubre e piacevole.

MultiAir Italia s.r.l. viene costituita il 1° dicembre 2010 per far accrescere il potenziale di vendita e di presenza sul mercato dei diversi brands acquisiti dall’Atlas Copco e presenti sul mercato italiano, oltre a meglio definire i ruoli e coordinare la forza vendita dei diversi marchi. La MultiAir Italia nasce, quindi, come customer center dedito alla vendita in Italia dei prodotti della divisione industrial air per Ceccato, Mark, Abac, Balma, Worthington Creyssensac, Alup e di Chicago Pneumatic. La società ha fatto sì che i sette brands si collocassero adeguatamente nel mercato italiano al fianco di Atlas Copco per meglio contrastare la concorrenza. MultiAir Italia è un’azienda in continua crescita nel mercato italiano: per i compressori a vite, ad esempio, in due anni ha conquistato il 36% di market share.

2012
Perfora è stata fondata nel 1993 dai fratelli Picotto, nella zona della “Pietra di Luserna”. Fra i primi a introdurre macchine di perforazione idrauliche nel settore della pietra ornamentale, ha conquistato significative quote di mercato puntando sull’innovazione. Il 12 Gennaio 2012 viene acquisita da Atlas Copco. L’intenzione è unire le forze per crescere ed essere più forti, unendo un ottimo prodotto alla straordinaria presenza sul mercato di Atlas Copco. L’obiettivo è diventare leader mondiali nel settore del DSI (Dimension Stone Industry), sia nei paesi emergenti dove le cave stanno passando alla tecnologia idraulica sia nei paesi industrializzati dove rafforzeremo la nostra presenza. Cresceremo attraverso lo sviluppo dei prodotti, basato sulle esigenze dei clienti, e attraverso la presenza capillare sul mercato, che solo un’azienda come Atlas Copco può assicurare.

Fiac Air Compressors è un’azienda leader mondiale nella produzione di compressori d’aria per il fai da te, i professionisti e l’industria, con sede a Bologna –Italia.
Fondata nel 1977, conta circa 360 dipendenti in tre stabilimenti di produzione posti in Italia, Brasile e Cina capaci di produrre annualmente oltre 500.000 gruppi pompanti e 312.000 compressori d’aria.
Una costante attività di ricerca & sviluppo garantisce un’ampia gamma di prodotti e un sistematico miglioramento delle prestazioni tecniche degli stessi.
Nel 2016 Fiac Air Compressors entra a far parte di Atlas Copco Group, dando vita alla nuova Professional Air Division che combina l'esperienza e la professionalità di Fiac con le potenzialità di Atlas Copco.
Grazie ad una rete capillare di 1800 distributori in Italia e oltre 600 all’estero, Fiac Air Compressors serve clienti in 111 paesi nel mondo, operando sui mercati principali quali Italia, Europa occidentale e orientale, Nord e Sud America e Medio Oriente.

Varisco S.p.A. è un’azienda leader nella produzione di pompe per il settore delle costruzioni e dell’industria.
L'azienda è stata fondata nel 1932 a Padova e nel 2016 entra far parte del Gruppo Atlas Copco.
Varisco produce ogni anno 6.500 pompe centrifughe e 2.500 pompe volumetriche. Il marchio Varisco è conosciuto nel mondo come sinonimo di alta qualità e competenza nella progettazione, nella produzione e nella vendita di pompe centrifughe per il drenaggio e di pompe a ingranaggi per gli impianti chimici.
L’Azienda può contare su una squadra di professionisti che ogni giorno con competenza e passione si dedica alla crescita del gruppo.
Una costante innovazione di prodotto e una cura particolare ad interpretare e anticipare le esigenze dei clienti rappresentano i pilastri dell’attività di Varisco in un mercato in continua evoluzione.